Nell’Outback Autraliano – The Never-Never Land – Parte 3

The Never-never Land

Parte 3

 

 

images (16).jpg

Esistevano in me poche necessità in quel semplice vivere. I miei desideri si erano affinati, adottando le frugalità di un eremita. Sicché era ben poco di cui abbisognavo, e il tutto era dissemi

nato attorno a me. Era il dono che ricevevo riconoscente dalla natura provvidenziale che mi circondava. Pescavo, cacciavo, leggevo, ma ancor più avevo tempo di sognare. Mi sentivo più che mai libero ora… e avevo pure molto tempo per far quei sogni che da sempre avevo voluto sognare…

Questo fu il modo che aprì uno spiraglio sulla finestra del mio futuro. Questo era l’unico modo capace di permettermi di scaricare dal deserto della mia vita quell’enorme fardello di dolori, che ben sentivo, ed erano più grandi di me. Era l’unico modo che mi aiutò a rinsavire. Era il modo per dar sepoltura al passato.

All’orizzonte vedevo ora spuntare una tenue luce. Era l’inizio della speranza vitale che cercavo, che volevo.  Era la fiducia nascente e incominciai a plasmare le basi del domani, con progetti semplici, ma che sapevo erano possibili e realizzabili.

Non so esattamente quanto vissi in quel luogo. Ero incurante del valore del tempo o di cosa succedesse nel mondo che era per me ora null’altro che un  passato remoto.

Vivevo studiando la natura che mi circondava e aspettavo che essa m’indicasse la via della mia nuova vita. Ogni giorno imparai di più da lei, osservando, studiando quelle cose vicino a me, e giorno dopo giorno, imparai le leggi fondamentali di come sopravvivere.

~*~

 

Per ore stavo disteso sulla sabbia infuocata del deserto che mi circondava, e godevo nella quiete apparente che era all’intorno e che sentivo invitante. Silenziosamente osservavo la magnificenza di quel nulla selvaggio. Ne gioivo, sentendomi vivo e parte di quella vasta immensità che mi attorniava. Ero pure cosciente dei mille pericoli esistenti, ma poi? Sapevo pure il valore di vivere per me stesso, in quel luogo primitivo, che era il riflesso del paesaggio Australiano.

In quell’immobilità e silenzio troppe volte ebbi l’impressione di essere l’unico essere vivente in quel luogo, ma non lo ero. Coabitavo con quei pochi animali selvatici, e vedevo la loro costrizione a ridimensionare le loro vite pur di vedere sorgere un altro domani sopra quel terreno impervio, in quel clima torrido, e in quella quasi completa mancanza d’acqua. Fu allora che sentii in me il bisogno di credere in Dio Creatore. Incominciai a pregarlo chiedendo il coraggio, la forza di poter sopravvivere un altro giorno in quelle condizioni impossibili.

Imparai molto. Cose piccine e minute, che la paziente natura m’insegnava. Sentii Il tempo scorrere lentamente, ma pur sempre continuo nello scandir delle ore di un ipotetico orologio, che in quei luoghi aveva perso tutti i valori perché qui non esistevano più le impellenti necessità imposte dalla civiltà umana.  Mi adattai al nuovo ritmo di vita, dimenticando l’urgente premura del vivere. Fu per me una rivelazione comprendendo quanto questo modo di vita fosse la più veritiera.

Avevo imparato che concentrandomi potevo rivedere e correggere gli sbagli nel mio passato. Questo fu pure il modo di comprendere i misteri di quell’esistenza primordiale, dove solamente chi è forte può vivere. Imparai questo dagli animali selvaggi che vivevano vicino a me, e con loro accettai le semplici regole di quel vivere dettate dalla natura che mi circondava. E imparai a credere nei segreti della natura, segreti che facevano parte della vita di avventurieri o di quelle semplici creature che osavano vivere nell’assoluta desolazione desertica.

Furono quelle semplici regole che mi aiutarono nel tempo a ricuperare la calma interiore dell’animo, e che presto divennero imperative sulla mia vita, nel considerare e studiare le possibilità che avrebbero aperto il mio prossimo futuro.

~*~

 

Durante quei mesi di solitudine compresi come la regione del Kimberley era il luogo migliore nel mondo per aiutarmi a ritornare me stesso. Sto` parlando dell’immensità di quella terra che attraversa il Nord dell’Australia, che inizia nel Kimberley, sulle sponde dell’Oceano Indiano in Western Australia, e termina a Capo York sull’Oceano Pacifico nel Queensland.

Questo territorio è remoto e isolato, e può creare illusioni a coloro che mai hanno vissuto in questa terra. L’immensa vastità è senza fine, e mirando lo sguardo nel cielo al di sopra, si nota unicamente una linea ininterrotta che inizia nel cielo blu che si trova al di sopra e che si allunga sino a raggiungere l’infinito, che è pure lo stesso color blue, formando a quella estremità null’altro che un indistinto punto piccino. E` una continua ininterrotta linea, la sposa indiscussa del cielo con l’indistinta terra lontana.

 

images (15).jpgimages (19).jpg

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s