Avvenne attorno il Golfo del Messico – Versione Italiana – Parte 2

gatsby-3332999__480.jpgParte Due

 

 

gatsby-3332999__480.jpg

La cena fu eccellente. Furono servite molte ghiottonerie importate da paesi esotici, mentre il vino era uno Shiraz, alquanto buono, della California. Fui presentato a Clairmarie prima di cena e devo dire che trovai in lei la più piacevole sorpresa di quella sera.

Come archeologo, non ho molte opportunità di mescolarmi con quella raffinata classe sociale.

Le donne che generalmente vengo a conoscere, sono semplici e che all’occorrenza non disdegnano di scavare assieme a me, in luoghi di ricerche archeologiche. Naturalmente queste donne non hanno pretese di competere con modi raffinati e innati, con gentildonne simili a Claremarie. Per lei era una cosa abituale il vivere come una gran Lady. Donne come lei, sanno come sottostare a tutte le necessarie cure per apparire sempre attraenti, prima di tutto per sé stesse e poi per essere gradite dagli uomini.

Certamente quella sera, Claremarie era la donna più elegante che io abbia mai incontrato prima. Vestiva un décolleté e il suo seno, ben proporzionato, era ben eretto dietro la trasparenza del leggero vestito di seta, che ben metteva in risalto il suo seno aggraziato. Era adornata con una collana d’oro che terminava con un pendente di smeraldo. Questo gioiello armonizzava col colore dei suoi occhi verdi, larghi e brillanti. Era alta di statura e le gambe, apparivano perfettamente modellate, e calzava scarpe con alti tacchi a stiletto. La sua capigliatura era bionda e arrangiata entro un Chignon, tenuto in posizione con un lungo ago d’oro. Ancor più era l’inebriante profumo che emanava da lei che mi mandò in visibilio. Consideravo che, nella mia vita, ero sempre stato a contatto con donne semplici use alla vita all’aperto, e pure interessate negli scavi che io compivo. Donne che senza dubbio erano l’opposto di Clearemarie, e alla sua tipica signorilità.

Con queste considerazioni, era evidente di quanto fosse il mio disconforto nel trovarmi di fronte a tale superba bellezza.

Dopo cena, Claremarie mi segui sulla terrazza che si affacciava sopra il giardino, dove vi era una piacevole brezza. Notò immediatamente l’imbarazzo che si era creato in me e vidi il suo sguardo interrogativo. Capii che era divertita del mio imbarazzo e con ilarità, prese un vantaggioso approccio sopra la mia semplicità.

Con decisione mi disse:

“Mio caro Charlie, sembra proprio, che tu viva agli antipodi di questo mondo. Presumo che mai sei stato a contatto con vere dame appartenenti alla buona società. Capisco questo sia dovuto al vivere nella giungla dove usualmente trascorri la tua vita assieme ai selvaggi. Sebbene possa supporre che molte di quelle donne primitive possano pure essere attraenti e che siano orgogliose di mettere ben in vista i loro giovani corpi e le grazie dei loro seni eretti.”

Dovetti ammettere modestamente che quanto aveva appena detto era vero. Le risposi:

“Cara Clairmarie, nella giungla s’impara più che altro a sopravvivere. Tra le fitte vegetazioni dei boschi, le donne sono chi vengono più soggette alle fatiche della vita. Devono accudire alle loro capanne e famiglie, devono pure raccogliere legna nei boschi per cucinare. Ugualmente si sentono appartenenti al sesso femminile e sanno adonarsi come lo fanno altre donne più privilegiate, anche se usino semplici gioielli creati rusticamente dagli artigiani locali e sanno mettersi in risalto con belletti e rossetti primitivi. Nella loro essenza sono sempre donne delicate e, sanno usare l’intrinseco dono della seduzione che è innato in tutte le donne sin dal tempo della creazione.”

“Dimmi Charlie, hai mai trascorso una notte d’amore assieme a una vera Lady? “Credo di conoscere la tua risposta. Ugualmente sono curiosa di sentirlo dire dalla tua voce. Gli uomini che frequento, dopo alcuni minuti che siamo assieme, sentono l’impellente necessità di amoreggiare con me, unicamente per il piacere di essere assieme a una donna quale io sono. Delirano per me e sarebbero pronti a fare pazzie, ma sappi che questo è un privilegio che riservo solo per alcuni.”

“Interessante!” Ammisi con perplessità.

“So che tu stai rimuginando quanto ti ho appena detto. Sappi che il mio desiderio per te è unicamente pura curiosità nel tuo riguardo. Ti trovo differente dagli uomini che normalmente frequento. Tu appartieni al tipo intellettuale, e vesti pure l’abito dell’avventuriero. Vedendoti in questo modo ti trovo attraente, sebbene senta, di essere incapace a dominare il tuo forte volere. Sono perplessa, poiché usualmente i miei amanti li trasformo in schiavi d’amore. So che ciò non mi sarà possibile con te, ma ugualmente voglio che la nostra conoscenza orbiti nello stretto circolo d’intimità. Sebbene non esista in te la raffinatezza di un Don Giovanni, sei una forte tentazione che infiamma il mio desiderio di donna.”

Ci trovavamo assieme per la prima volta e, Claremarie mi sorprese nell’esprimersi così apertamente. Ben sapevo che era ricca e che sin dalla giovinezza era sempre stata in comando. Fu in quel modo che nacque in lei l’astuta donna d’affari che sapeva amministrare bene la propria fortuna nella compagnia petrolifera dove lei possedeva un terzo del pacchetto di azioni.

Questa forse era la ragione che non si fosse mai sposata. Ugualmente sapeva come soggiogare il sesso maschile e ne approfittava per soddisfare i suoi appetiti sessuali. Sapeva essere generosa con la sua preda, donando loro appassionanti notti di amore.

 

~*~

 

Mi ero ritirato nella mia stanza da appena una mezzora, quando udii la porta aprirsi. Era Claremarie. Indossava un neglige trasparente che rivelava il suo corpo armonioso. Aveva con sé una bottiglia di Moet con due calici di cristallo.

“Credo abbiamo molte cose da discutere e la notte è lunga e penso sarà favorevole per conoscerci meglio.” Mi disse.

“Vedo che sei una donna con molte risorse e persuasioni. Mi fai un’offerta che certamente non si può rifiutare, Clearmarie.”

“Si Charlie. Sono nata tentatrice. Faccio tutto quanto mi sia possibile per catturare l’uomo di cui sono infatuata e far si che egli mi desideri ugualmente. Non ho dubbi, quando questa notte giungerà alla fine, ti sentirai felice per la gradita conclusione e nell’essere stati assieme.”

“Non nego di quanto gradita sia la mia sorpresa!”

‘Mi piaci, Charlie. Sei la persona con cui desideravo di essere assieme stanotte. In tutta la mia vita ho sempre cercato la perfezione. Voglio per me unicamente quanto c’è di meglio e le cose squisite che l’amore può donare.”

“Penso che molti uomini ti desiderino per quello che sei, Claremarie. Pure ti vogliono per tutte le complessità esistenti in te, così pure la semplicità nell’affrontare la vita e l’amore. Credo che in questa giustificazione trovi l’ardire per dirti che ti amo…”

“Hai un animo gentile così pure sei un uomo di talento. Questo il motivo che sarò con te stanotte. Comunque non dovresti usare la parola “amore” con tale facilità. E` una parola troppo impegnativa, caro Charlie, anche se so, che mi sogni ad occhi aperti. Vedo pure che sei preso da mille desideri e passioni… Per essere sincera, sono con te ora perché mi sentivo alquanto curiosa di conoscerti meglio e volevo sapere se sei ugualmente un buon amante.”

“Grazie, Claremarie. Molte volte inaspettatamente, quando s’incontra qualcuno, si ha il privilegio di trovare una gemma di valore inestimabile. Questo è quanto mi sta accadendo ora, mia cara.”

“Non mi sono sbagliata Charlie. Sei passionale.”

“Lo sei pure tu, Claremarie. Siamo molto simili. Siamo stati creati con la stessa argilla. L’argilla della concupiscenza e della passione. Ti desidero e ti voglio più che mai, Claremarie. Ora e a lungo, tutta la notte assieme! Prendimi e portami con te alla ricerca dei piaceri dei sensi.”

“Si Charlie. Passione, avventure, concupiscenza, sono cose importanti per me. “Nonostante questo, perdersi nei meandri della passione amorosa diverrà stasera una cosa sublime. Potrai realizzare con me tutto quanto desideri. Mi avrai come amante distesa con il mio corpo accanto al tuo.”

“Peccato che il fato non ci abbia fatto incontrare prima di ora. Ugualmente spero di poterti rivedere nel futuro. Quando sarò lontano nella giungla, sentirò la tua mancanza. Sono sicuro che mai potrò scordare questa notte di passione assieme a te, Claremarie.”

 

~*~

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s