La pagina di Rinaldo Ambrosia

Una poesia di Enrico Elia

539659277-view-of-sugarloaf-mountain-and-botafogo-bay-gettyimages.jpg

TRAMONTO

L’ultimo tramonto dell’anno
È un cielo pulito, macchiato di nuvole
Fredde e infantili
L’aria è piena di spine e il sole s’addormenta
All’ora della merenda
L’ultimo tramonto dell’anno è morbido
come il pane fresco, colorato di marmellata
rievoca notti dolci d’estate e ricordi salati
come acqua di mare
L’ultimo tramonto dell’anno è una
tazza bollente di caffè
Mentre ripensi alla fatica lasciata per strada
Ai sorrisi strappati e regalati,
alle volte che ti sei sentito trasparente, fuori luogo
a quando non volevi esserci, andare via …
restare a dormire, alzarti più presto …
L’ultimo tramonto dell’anno
Sono un cestino di ciliegie, una minestra di rinunce,
una frittata di ansie, una porzione – abbondante – di delusioni,
un contorno di speranze …
un teglia di emozioni, parole, silenzi e risvegli …
E minuti …
che ti hanno invecchiato, arricchito, sfamato, liberato,
appagato, coccolato, vestito, scaldato, dipinto …
Raccontato, bagnato, sedotto … rinfrescato … aspettato
Per vedere domani
… la prima alba dell’anno … in sogno o tra i vetri appannati
del tempo
Immaginando i tuoi capelli come foglie bagnate sulla tua
guancia
E miei occhi a vegliare da lontano i respiri del sonno

La prima alba dell’anno si apre su un balcone
di aria profumata e di scale che scendono soltanto.

Enrico Elia

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s