The Purest Love

Love, The pure one

 

images (2).jpg

Scritto da © Carlo Gabbi – Sab, 09/02/2013 – 01:57

Love, the pure one

Nei giorni scorsi ho avuto modo di leggere versi nei quali risplende un amore intenso. Sono due poesie magnifiche scritte in omaggio alla donna amata che è ammalata. Sono parole struggenti e sentite che sgorgano dall’animo di chi sa veramente amare colei che è la cosa più preziosa nella sua vita.

Mi sono chiesto quanti nei giorni nostri possano amare con tale passione e intensità`. Mi sono sentito profondamente commosso dai versi di Antonio Cristofero Rendola e penso di fare cosa gradita nel presentare qui la traduzione in Inglese delle sue poesie.

Questo è il mio umile e sentito omaggio a lui e per colei che ama così profondamente.

Una delle poesie è stata scritta nel dialetto Partenopeo. Farò del mio meglio per cogliere l’essenza voluta dal nostro Antonio.

 

To my Sick Woman

 

You look like the Madonna

Holding the baby in your harms

Pale in your face

As a fading rose.

 

Cold can make you die

In front of the sun and wind,

Like rain filling my heart

B’cose I can’t help.

 

Mari…

Change your look!

 

Mari, don’t die please!

 

You are the only love

Of my life

So intense,

And let it be.

 

ALLA MIA DONNA MALATE

Stai comme na Madonna

Co’ bambinello in bracce,

pallida è chesta faccia

comme ‘na rose in fronne.

 

Didnt ‘e fridde se more

E fore : sole e viente,

e chiove int’ a core

can un po fa niente!

 

Mari…

Cignasse st’aria!

 

Mari, no non muri!

 

L’unico ammore

E chesta vita mia

Se ne sta jenne fore…

E cosi sia!

 

 

MORE LOVE FOR MY SWEET WOMAN

Your eyes are beams,

Like lightening,

luminescent stars

moulds

of two magnificent things.

 

Your mouth,

Looks alike a rich embroidery

On which is wrote

I love you.

 

Your face

That killing time

Even if closed

Yet doesn’t touch.

But your heart

Which still

Overflow

With love

Feel tired today.

 

 

ANCORA PER LA MIA DOLCISSIMA DONNA AMMALATA

I tuoi occhi son fari,

due lampi,

chiarissime stelle,

son stampi

di due cose belle.

 

La tua bocca

è un dolce ricamo

sul quale c’è scritto

“Ti Amo”

 

Il tuo viso

quel tempo assassino

ancor da vicino

non tocca

 

Mai il tuo cuore,

che pur anco

trabocca

d’amore

oggi è stanco.

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s